Cibo

DONA L'ACQUA, DONA LA VITA!

Nadilè ha 30 anni ed è mamma di tre figli. Il suo figlio più grande, Adil, si è ammalato a causa dell’acqua bevuta delle pozze vicino a casa. Non è un’acqua pulita, ma la famiglia di Nadilè, come tutte quelle del villaggio, è costretta a utilizzarla, per bere e per cucinare. In molti villaggi, infatti, non c’è accesso all’acqua potabile. L’alternativa sarebbe morire di sete.

“Adil è malato di dissenteria e non sappiamo se ce la farà, il suo fisico non è abbastanza forte. Sono spaventata!”, queste sono le parole di Nadilè, ma la sua situazione è uguale a quella di tantissime altre madri, in Benin, in Mozambico, in Guatemala e in tanti altri paesi. Nel mondo sono, infatti, oltre 3 milioni i bambini sotto i 5 anni che muoiono a causa di malattie legate all’acqua non potabile.

Di fronte a una situazione del genere è importante non rimanere immobili. Grazie al tuo aiuto, infatti, potremo aiutare questa giovane mamma e, insieme a lei, migliaia di famiglie e centinaia di villaggi in Africa e America Latina. Sono tanti i modi in cui potrai sostenerci nella nostra lotta per garantire a queste persone il loro diritto all’acqua:

Con 30€ potrai donare filtri per sanificare l'acqua a una famiglia in Guatemala.

Con 60€ donerai un kit per l’irrigazione degli orti a una comunità in Mozambico.

Con 120€ ci aiuterai a costruire un pozzo in un villaggio in Benin.

Un filtro o un pozzo possono fare davvero la differenza: possono salvare la vita di tante persone, goccia dopo goccia.

Dona l’acqua, dona la vita!

Scegli la quantità

Donazione di 0,00

Per donare di più, modifica l’importo


COME SOSTENERCI

solo donazione Invia un’ecard Stampa biglietto

Stai supportando il seguente progetto

  • QUELIMANE AGRICOLA: PRODUCE, CRESCE E CONSUMA SOSTENIBILE

    La Provincia della Zambezia, in Mozambico, è una delle più povere del Paese: dati della World Bank del 2016 stimano che il 70% della popolazione zambeziana si trovi sotto la soglia di povertà e che in tale provincia e in quella di Nampula siano residenti la metà (48%) dei poveri del Paese.

    Il settore agricolo è la base dell’economia del Nord del Mozambico e dà lavoro all’80% della popolazione attiva. Per questo motivo, lo sviluppo di tale settore, sia in termini di sistemi di mercato sia per quanto riguarda le tecniche di coltivazione utilizzate, rappresenterebbe il principale strumento per ridurre la povertà generando sviluppo sostenibile.

    In un’ottica di miglioramento della produzione agricola, il ruolo giocato dalle tecniche agroecologiche utilizzate, dalla rotazione delle colture, all’utilizzo di impianti di irrigazione che sfruttino la scarsa presenza d’acqua, è di fondamentale importanza.  

     

CON QUESTA DONAZIONE CONTRIBUISCI A:
il tuo regalo aiuta...
il tuo regalo aiuta...
il tuo regalo aiuta...
 
Vuoi aggiungere un altro regalo?